Anti acquaplaning, Easyrain è il nuovo sistema italiano

Giannip

Acquaplaning italiano Easyrain
Acquaplaning italiano Easyrain

Easyrain, azienda torinese, ha presentato il suo concept di auto del futuro, il Climb-E di Italdesign, al CES di Las Vegas. Il prototipo include tutti i sistemi di assistenza di Easyrain, che saranno integrati anche in futuri modelli di auto per aumentare la sicurezza in ogni condizione ambientale.

Easyrain presenta un nuovo “anti acquaplaning italiano”

Easyrain, azienda torinese, ha recentemente partecipato al CES di Las Vegas presentando il suo concept Climb-E di Italdesign. Questa opportunità rappresenta un importante passo in avanti per l’azienda, che ha l’opportunità di farsi notare dai costruttori di automobili in tutto il mondo. Giovanni Blandina, fondatore e CEO di Easyrain, ha espresso entusiasmo per la possibilità di vedere le loro tecnologie integrate in un veicolo del futuro e ha ringraziato Italdesign e il suo amministratore delegato Antonio Casu per la loro presenza al CES.

Il Climb-E è equipaggiato con diversi sistemi di assistenza sviluppati da Easyrain, conosciuti come DAI, AIS e ERC. Il Digital Aquaplaning Information (DAI) è un sensore in grado di stimare con precisione la perdita di contatto degli pneumatici con la strada. Una versione di serie di questo sistema è prevista per il 2026 e sarà in grado di intervenire non solo in caso di aquaplaning, ma anche in altre situazioni, come quando si attraversa una pozzanghera profonda. Utilizzando un software avanzato che tiene conto della tipologia degli pneumatici, del loro livello di usura e della loro pressione, il DAI può agire direttamente sulla vettura modulando la velocità per garantire la sicurezza.

Come Funziona Easyrain?

Il sistema AIS, o Aquaplaning Intelligent Solution, è costituito da iniettori nascosti all’interno del paraurti che espelgono una piccola quantità di acqua davanti alle ruote anteriori al fine di migliorare l’aderenza complessiva. L’acqua viene prelevata dalla vaschetta del liquido per il tergicristallo e l’attivazione avviene in modo rapido e automatico. Infine, l’ERC, o Easyrain Cloud, è uno spazio online dove vengono condivise informazioni raccolte (in modo anonimo) dai sistemi di Easyrain. Questo permette di ottenere un’analisi della rete stradale e di suggerire eventuali manutenzioni o di individuare componenti usurati della vettura che richiedono intervento. Secondo Easyrain, le informazioni condivise potrebbero anche essere inviate a veicoli a guida autonoma per segnalare pericoli in una determinata strada.

Il sistema di assistenza alla guida Aquaplaning Intelligent Solution (AIS) di Easyrain è progettato per migliorare l’aderenza su strade bagnate. Quando il software DAI (Digital Aquaplaning Information) rileva una situazione di pericolo, può attivare l’AIS. Questo sistema è composto da iniettori nascosti all’interno del paraurti che espelgono una piccola quantità di acqua davanti alle ruote anteriori per “togliere” l’acqua in eccesso dalla superficie della strada e migliorare l’aderenza complessiva. L’acqua viene prelevata dalla vaschetta del liquido per il tergicristallo e l’attivazione avviene rapidamente e in modo automatico.

Inoltre, Easyrain ha anche sviluppato l’ERC (Easyrain Cloud), uno spazio online dove vengono condivise informazioni raccolte (in modo anonimo) dai sistemi di assistenza alla guida dell’azienda. Questo permette di ottenere un’analisi della rete stradale e di suggerire eventuali manutenzioni o di individuare componenti della vettura che potrebbero essere usurati e richiedere un intervento. Inoltre, secondo Easyrain, le informazioni condivise potrebbero essere inviate anche a veicoli a guida autonoma per segnalare eventuali pericoli in una determinata strada.

Come funziona un normale sistema anti acqua-planing?

n sistema di assistenza alla guida contro l’aquaplaning è progettato per aiutare a prevenire o ridurre il rischio di aquaplaning, ovvero la perdita di aderenza delle ruote a causa dell’acqua presente sulla superficie stradale. Ciò può accadere quando la quantità d’acqua presente sulla strada è troppa per essere dispersa efficacemente dalle ruote, causando così la creazione di una sorta di “tappetino d’acqua” sotto le ruote. In queste condizioni, le ruote perdono il contatto con la strada e l’auto può perdere il controllo.

Un sistema di assistenza all’aquaplaning può utilizzare diversi tipi di tecnologie per aiutare a prevenire o ridurre il rischio di aquaplaning. Ad esempio, può utilizzare sensori per monitorare costantemente la quantità d’acqua presente sulla strada e la pressione dei pneumatici, e può intervenire modulando la velocità o l’accelerazione della vettura in base alle condizioni rilevate. Inoltre, alcuni sistemi possono anche utilizzare iniettori per espellere una piccola quantità d’acqua davanti alle ruote anteriori al fine di “togliere” l’acqua in eccesso dalla superficie della strada e migliorare l’aderenza complessiva.

Che differenza c’è tra acquaplaning e hydroplaning?

Nessuna. In generale, il termine “aquaplaning” viene utilizzato principalmente in Europa, mentre il termine “hydroplaning” viene utilizzato principalmente negli Stati Uniti. Tuttavia, entrambi i termini si riferiscono allo stesso fenomeno e sono spesso utilizzati in modo intercambiabile.

Come si evita l’acquaplaning in auto?

Ci sono alcune misure che è possibile adottare per prevenire o ridurre il rischio di aquaplaning quando si guida in condizioni di pioggia o su strade bagnate:

  1. Mantenere i pneumatici in buone condizioni: assicurarsi che i pneumatici siano adeguatamente gonfiati e che abbiano una profondità del battistrada adeguata è importante per garantire che le ruote possano dispersare efficacemente l’acqua presente sulla strada e mantenere un’adeguata aderenza.
  2. Abbassare la velocità: quanto più veloce è la vettura, maggiore è il rischio di aquaplaning. Ridurre la velocità può aiutare a prevenire l’aquaplaning o a ridurne la gravità nel caso in cui si verifichi.
  3. Evitare di accelerare o frenare bruscamente: l’accelerazione o la frenata brusca possono aumentare il rischio di aquaplaning. Evitare di farlo può aiutare a prevenire l’aquaplaning o a ridurne la gravità.
  4. Evitare di seguire altre vetture da vicino: il vapore d’acqua sollevato dalle ruote di un’altra vettura può ridurre la visibilità e aumentare il rischio di aquaplaning. Mantenere una distanza di sicurezza adeguata può aiutare a prevenire l’aquaplaning.
  5. Utilizzare i tergicristalli e i sistemi di lavavetri in modo adeguato: assicurarsi che i tergicristalli siano regolati correttamente e che il liquido per il lavavetri sia sufficiente può aiutare a garantire una buona visibilità e a ridurre il rischio di aquaplaning.
  6. Installare un sistema di assistenza all’aquaplaning: alcune vetture sono dotate di sistemi di assistenza all’aquaplaning che utilizzano sensori e altre tecnologie per monitorare costantemente le condizioni della strada e intervenire per aiutare a prevenire o ridurre il rischio di aquaplaning.

Lascia un commento