Guasto alla centralina, ecco come ci si deve comportare

Giannip

centralina auto

centralina auto

Nel corso degli ultimi anni, anche il settore delle automobili è stato costantemente oggetto di un’evoluzione tecnologica senza eguali. Non c’è dubbio che l’elettronica è diventata una componente sempre più centrale nell’attività di gestione di un prodotto del genere. Basti pensare ai sensori di parcheggio, per non parlare al sistema che va a regolare in maniera del tutto automatica i fari, senza dimenticare anche i numerosi sistemi che si occupano della sicurezza attiva e che forniscono il servizio di assistenza alla guida. Insomma, è facile notare come l’elettronica rappresenta una componente fondamentale di ogni auto che viene prodotta oggigiorno.

Di conseguenza, è abbastanza facile intuire come, proprio in ragione di tale scenario tecnologico completamente mutato rispetto a qualche decennio fa, c’è una componente fondamentale, che corrisponde alla centralina motore. Si tratta di un elemento imprescindibile, ma al contempo particolarmente delicato, proprio per via dell’importante funzione che svolge.

A pensarci bene, un po’ tutti gli aspetti di una vettura al giorno d’oggi sono direttamente gestiti dalla centralina di una vettura. Di conseguenza, proviamo a capire meglio cosa fare nel momento in cui c’è un malfunzionamento alla stessa, da cosa accorgersi che il danno ha colpito proprio tale componente e come trovare una soluzione sostitutiva.

Unità di controllo del motore: a cosa serve

Come dicevamo in precedenza, è giusto parlare della centralina di una vettura come una sorta di cervello del motore. Si tratta, in definitiva, di un computer dalle dimensioni piuttosto ridotte, che risulta essere collegato a tutta una serie di sensori. In relazione ai vari parametri che sono stati oggetto di memorizzazione, ecco che si occupa di gestire e controllare un gran numero tra impianti e sistemi presenti all’interno dell’autovettura.

Va detto che i valori che la centralina si occupa di processare sono svariati. Prima di tutto, si fa riferimento alla temperatura del motore, poi alla velocità dell’auto, senza dimenticare anche la fase del motore, per non parlare della pressione, così come della temperatura dell’aria aspirata, ma anche l’apertura del comando del gas piuttosto che delle valvole, la pressione atmosferica e molti altri ancora.

Dove acquistare centraline usate

Al giorno d’oggi le piattaforme online vengono considerate come una delle soluzioni da prediligere per l’acquisto di un gran numero di prodotti. Anche nell’ambito di questo settore si possono trovare delle opzioni veramente vantaggiose. Ad esempio, in caso di malfunzionamento della centralina della propria auto, tale per cui si necessita di una sostituzione, ecco che si può pensare all’acquisto di una centralina motore usata e rigenerata. In riferimento a tale aspetto, è bene mettere in evidenza la presenza di portali molto validi, come ad esempio ecustore.it, dove c’è la possibilità di trovare un gran numero di modelli di centraline auto usate e rigenerate a dei prezzi davvero competitivi.

Malfunzionamenti della centralina

In caso di guasto alla centralina di una vettura, i sintomi sono direttamente correlati al comportamento del motore. In base al guasto, la vettura può riscontrare una serie di problematiche in caso di avviamento del motore. Tra gli altri “sintomi” che si possono notare troviamo un comportamento strano della vettura, che non risponde perfettamente ai vari comandi del pedale del gas, come se si riuscisse ad accelerare, ma a strattoni. In questi casi, la cosa migliore da fare è quella di portare la vettura presso il proprio meccanico di fiducia il prima possibile. È solo con questa accortezza che si può evitare una problematica più importante allo stesso motore. In caso contrario, il rischio che si potrebbe correre è quello di ritrovarsi a piedi nel bel mezzo di un tragitto, magari quando si è lontani da casa chilometri e chilometri.

Lascia un commento